Salta al contenuto principale
Contenuto

 

La responsabilità dell’Offerta Formativa dei CdS, così come la sua Qualità, è in capo al Presidente (o figura equivalente). Il Presidente viene affiancato da un Gruppo di Gestione AQ (Gruppo di Riesame), che lo coadiuva nella preparazione di: Relazione Annuale di Monitoraggio AQ (RAMAQ-CdS), Scheda di Monitoraggio Annuale (SMA) e Rapporto di Riesame Ciclico (RRC). Il Presidente si impegna a garantire la massima collegialità possibile nella gestione del CdS e a valorizzare il ruolo del Consiglio di CdS nella progettazione e nelle attività di autovalutazione e di riesame del CdS stesso.

Il CdS garantisce un impegno costante verso il miglioramento continuo, inteso come capacità di puntare verso risultati di sempre maggior valore, ponendosi obiettivi formativi aggiornati e allineati ai migliori esempi nazionali ed internazionali.

Il CdS è progettato attraverso il disegno di una o più figure in uscita, definite attraverso l’individuazione delle loro caratteristiche scientifiche, culturali e/o professionali e coerentemente ai percorsi formativi che conducono all’acquisizione delle conoscenze e competenze specifiche associate ai profili in uscita.

Il CdS deve essere costantemente aggiornato, deve riflettere le conoscenze più avanzate nelle discipline, anche in previsione del proseguimento degli studi nei cicli successivi, garantendo l’interscambio con il mondo della ricerca e con quello del lavoro.


Per quanto riguarda i processi di Assicurazione della Qualità (AQ), il CdS ha i seguenti compiti:

  • redigere la Scheda Unica Annuale del Corso di Studio; 
  • redigere la Scheda di Monitoraggio Annuale;
  • redigere la RAMAQ-CdS ;
  • acquisire la Relazione Annuale della CPDS, i risultati della rilevazione delle opinioni degli studenti sulla didattica e i risultati sui tassi di superamento annuali degli esami per ciascun insegnamento;
  • redigere il RRC;
  • consultare periodicamente le parti interessate (attraverso riunioni dei Comitati di Indirizzo e/o consultazione di studi di settore e/o altra modalità) e formalizzare le attività e le risultanze di dette consultazioni.

     

Per maggiori informazioni: