Ti trovi qui: Home » Didattica » Corso di laurea in Ingegneria Gestionale » Obiettivi formativi e Sbocchi occupazionali

Corso di Laurea in INGEGNERIA GESTIONALE (D.M.270/04)

Obiettivi formativi

OBIETTIVI FORMATIVI Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale è finalizzato alla preparazione di figure di alto profilo con adeguate conoscenze nell’ambito della matematica, delle scienze di base, nelle principali aree tecnologico applicative dell'ingegneria industriale e/o dell’informazione e in modo approfondito in quelle dell'Ingegneria gestionale. L’ingegnere gestionale ha una formazione che integra le conoscenze di carattere metodologico-quantitativo delle scienze di base, comuni a tutte le lauree in ingegneria, e i contenuti fondamentali delle discipline tecnologico-progettuali, con la comprensione degli elementi fondamentali dell’analisi economica e organizzativa e delle tecniche decisionali. Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale persegue l’obiettivo di formare una figura professionale in grado di coniugare competenze tecnologiche e competenze gestionali, capace di affrontare problemi complessi di natura interdisciplinare. Il laureato magistrale in Ingegneria Gestionale è quindi in grado non solo di analizzare, utilizzando approcci interdisciplinari, sistemi e processi economico-produttivi complessi sia nell’industria che nei servizi, ma possiede anche un bagaglio di conoscenze tale da conferirgli capacità progettuali e decisionali in ambienti in cui le problematiche gestionali e organizzative interagiscono con quelle tecnologiche. Gli ambiti professionali tipici ai quali dà accesso la Laurea magistrale in Ingegneria gestionale sono prevalentemente: la progettazione e la gestione dei processi produttivi e dei sistemi logistici integrati; l'approvvigionamento dei materiali e le scelte di outsourcing; l'automazione dei sistemi di produzione; la scelta delle tecnologie e la loro integrazione; l'innovazione di prodotto e di servizio; la valutazione dei progetti nel campo della ricerca; la progettazione e la gestione dei flussi di informazioni e dei sistemi informativi integrati; la reingegnerizzazione dei processi intra e inter-organizzativi; la pianificazione; il controllo di gestione e l’analisi degli investimenti; la valutazione delle performance individuali e collettive. I settori di sbocco sono sia le imprese di produzione che quelle di servizio. IL PERCORSO FORMATIVO Gli obiettivi formativi della laurea magistrale in Ingegneria Gestionale si concretizzano in un percorso di studi che parte da tre aree di conoscenza propedeutica, prevalentemente ottenute con la Laurea di accesso: - area fisico-matematica, in cui si acquisiscono le conoscenze fondamentali e gli aspetti metodologici della matematica e delle altre scienze di base; - area tecnologica, in cui si acquisiscono i contenuti fondamentali delle materie che qualificano i settori dell’ingegneria industriale e dell’informazione; - area economico gestionale, in cui si acquisiscono gli strumenti essenziali per comprendere i principali concetti economici, le differenti strutture organizzative, le più importanti funzioni aziendali, nonché le metodologie quantitative per l’analisi e le decisioni.

Sbocchi occupazionali

Il laureato magistrale in Ingegneria Gestionale trova, come sede naturale di occupazione, le imprese e le aree di attività ove problematiche, anche molto complesse, di gestione e di tecnologia rappresentano un elemento critico che interagisce con le variabili economiche, sociali ed ambientali, e dove l'innovazione in generale gioca un ruolo importante. Il laureato magistrale in Ingegneria Gestionale rappresenta una figura chiave ove si intendano attivare ruoli di integrazione tra diverse aree e competenze interne, funzionali a sviluppare e/o a potenziare le capacità aziendali in campi quali la progettazione e il controllo della catena di fornitura, la riprogettazione dei processi intra e inter-organizzativi, lo sviluppo nuovi prodotti e la gestione dei processi di innovazione, la gestione dei progetti e la ricerca delle fonti di finanziamento, la gestione strategica dei sistemi informativi. Il laureato trova anche idonea collocazione nell'ambito della progettazione degli impianti industriali e dei sistemi di produzione, della gestione della produzione e dell'approvvigionamento dei materiali, della logistica, dell'organizzazione aziendale, del controllo di gestione, della progettazione dei sistemi informativi e di telecomunicazione a supporto di attività produttive e/o di fornitura servizi.